Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Investire coi Bot a Tasso Zero, Btp con Interessi Negativi, Ctz ai Minimi: le Migliori Alternative

mercoledì 11 maggio 2016 Aggiornato il:

Titoli di Stato italiani ed europei con rendimenti ai minimi, a zero o negativi: quali investimenti alternativi per migliori profitti ma con rischi limitati? (articolo aggiornato l'11 maggio) - Continua la discesa dei tassi di interesse dei bond sia italiani che degli altri paesi europei coinvolti nel Quantitative Easing della BCE: il calo riguarda tutte le tipologie di bond governativi, dai Bot a Ctz e anche i nuovi Btp Italia emessi in aprile [col potenziamento del QE e la sua estensione da settembre 2016 a marzo 2017 le analisi sui suoi effetti fatte nei mesi passati sono più che mai valide]. Una situazione comune a quasi tutte le obbligazioni statali dell'Eurozona, anche della Germania: ne abbiamo discusso abbondantemente in questi mesi e nella nostra sezione Titoli di Stato potete trovare la conferma di quanto "previsto" dagli analisti ed alcune indicazioni su come investire in una simile situazione. I piccoli risparmiatori e investitori, quelli che sono stati definiti Bot-people e che puntano soprattutto a tutelare i propri risparmi ma anche a dei rendimenti per lo meno decenti, a quali strumenti possono rivolgersi?

Per avere un rendimento almeno oltre l'1% il piccolo risparmiatore può innanzi tutto rivolgersi ai conti di deposito vincolati, prodotti bancari di grande semplicità e soprattutto considerati giustamente investimenti sicuri. Certo, nel pieno della crisi finanziaria di due/tre anni fa non era difficile spuntare interessi anche del 4% annuo mentre adesso già il 2% è buono, ma d'altra parte con i depositi vincolati il rischio è zero e le capacità di analisi finanziaria richieste nulle, basta fare un confronto tra i migliori conti deposito per trovare quelli con i rendimenti netti migliori. Comunque ricordate -e la cosa vale sia per i conti deposito che per altri investimenti, anche per i Titoli di Stato e le obbligazioni con bassi rendimenti- che con l'inflazione a livelli minimi come ora, quasi in deflazione anzi, il valore reale del capitale può essere mantenuto o anche incrementato pur in presenza di tassi di interesse netti poco sopra lo zero.

interessi bot semestraliChi vuole rischiare un po' di più ed ha comunque delle buone basi di cultura finanziaria e una buona pratica può puntare a rendimenti più alti investendo in Titoli di Stato dei Paesi Emergenti o in obbligazioni societarie sempre da Paesi Emergenti. Le possibilità sono parecchie, ecco alcune delle nostre ultime pubblicazioni in merito:
Considerate però che potrebbe non essere sensato avere nel proprio portafoglio d'investimento dei Titoli con durate superiori ai 5 anni se tra un anno o due i tassi di interesse dovessero tornare a salire perchè si potrebbero avere perdite sensibili in conto capitale. Gli analisti finanziari suggeriscono una possibile strategia d'investimento: aumentare nei prossimi mesi la quota di liquidità e poi investirla in emissioni in dollari Usa, tra qualche mese, quando la Federal Reserve Bank presumibilmente aumenterà i tassi di interesse. L’obiettivo, in questo caso, non è tanto il guadagno cedolare ma il capital gain in caso di ulteriore ribasso dell'euro sul dollaro.

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni