Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Investire in Borsa nel 2017: Previsioni su Wall Street con Trump Presidente

martedì 6 dicembre 2016 Aggiornato il:

Con Trump presidente le previsioni degli analisti sono per un generale rialzo dei mercati azionari statunitensi, dunque a meno di shock imprevisti dovrebbe continuare la crescita di Wall Street proprio grazie al nuovo corso economico e finanziario promesso da Trump a base di deregulation, agevolazioni fiscali sui profitti ed altro ancora. L'atteso aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve avvenuto il 14 dicembre era appunto ampiamente previsto e dunque non ha avuto un effetto particolarmente sensibile, ma va sottolineato che se nel corso dell'anno la Yallen ha più volte ribadito che ci saranno ulteriori rialzi ma prudenti, ora si può ipotizzare "un po' meno prudenza" se le decisioni economico-finanziarie di Trump portassero, come probabile, ad un più deciso aumento dell'inflazione negli Usa.

Il programma economico di Trump da 1000 miliardi e a base di deregulation, di stimoli fiscali per i profitti e per gli utili rimpatriati dalle aziende, di maggiori investimenti pubblici, sosterrà almeno per il 2017 la crescita costante di Wall Street e dell'economia americana in generale, che sta riprendendo quota anche nel settore manifatturiero-industriale e quindi rafforzando la correlazione tra profitti, investimenti e Pil.

previsioni azioni in borsa a wall street 2017Se Mark Haefel di UBS ipotizza per il 2017 una crescita delle azioni Usa tra l'1% e l'8% proprio grazie all'aumento degli utili dovuto alla minor pressione fiscale e al trend positivo generale, Loris Centola mette in guardia proprio dalle decisioni quasi obbligate della Federal Reserve: "Le valutazioni del listino americano, però, non sono certo particolarmente attraenti. L'aumento dei tassi giustificherà un re-rating, prima o poi. Questo spiega perché, nonostante la dinamica reflattiva, siamo neutrali sull'azionario americano". Da considerare anche che molto probabilmente, anzi quasi certamente, il dollaro resterà forte sull'euro non solo per fattori interni americani (aumento tassi e crescita economica) ma anche perchè la valuta europea sconterà gli effetti del Quantitative Easing della BCE, oltre ad una crescita economica meno decisa e parecchie incertezze politiche: questo potrebbe limitare le esportazioni statunitensi e favorire le importazioni dall'Europa, dunque avere un effetto negativo sulla bilancia commerciale, ma gli effetti sul ciclo economico non saranno negativi.
Consigli per investire in azioni 2017 a Wall Street non sarebbe corretto darne perchè comunque le incertezze politiche ed economiche globali sono davvero molte, però almeno per il primo anno, anzi per il primo biennio della presidenza Trump, gli analisti sono concordi nel dire che andranno tenuti d'occhio, perchè favoriti, i settori delle infrastrutture e dei materiali di base per via dell'aumento della spesa pubblica, lo stesso dicasi del settore militare e dell'ampissimo indotto industriale e tecnologico, poi il settore hi-tech perchè aziende come Apple, IBM, Microsoft... grazie alla riduzione della pressione fiscale riporteranno in patria diversi miliardi tenuti all'estero ed investiranno, il comparto energetico e quello finanziario che saranno agevolati dalla deregulation. Buone prospettive anche per il farmaceutico, invece per il settore delle polizze sanitarie e dei titoli delle aziende ospedaliere si prevede una contrazione nel caso Trump abolisse anche solo in parte l'Obamacare, la riforma sanitaria di Obama che contrariamente alle promesse iniziali ha fatto lievitare i premi delle assicurazioni sanitarie (e che tra l'altro ha concesso sussidi governativi alle aziende).

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni