13 ottobre 2015

Azioni Poste Italiane: Prezzo, Rendimento e Come Comprare; Conviene Investire?

Partito il collocamento delle azioni Poste Italiane: l'IPO è cominciata, dunque la privatizzazione fa il primo passo ufficiale. Poste Italiane in Borsa è un'operazione attesa da tempo e sulla quale c'è molto da dire: come si possono comprare le azioni e a che prezzo? E' un investimento sicuro? A chi conviene investire in azioni di Poste Italiane? Vediamo tutti i numeri dell'operazione, il rating del gruppo, il rendimento atteso e altri dati importanti. Articolo aggiornato il 22 ottobre: la chiusura del collocamento delle azioni di Poste Italiane è fissata per le ore 12.30 di giovedì 22 ottobre, il prezzo per azione sarà tra 6.5 e 6.75 euro - Aggiornamento 23 ottobre: prezzo azioni Poste Italiane fissato a 6.75 euro - Aggiornamento 27 ottobre: debutto in Borsa per Poste Italiane, il prezzo delle azioni guadagna subito il 2% e sale a 6.90 euro, poi frena e vengono scambiate poco sotto la parità (ore 11.20 a 6.745 euro, ore 11.45 a 6.75 euro).

Quando si possono comprare le azioni di Poste Italiane?

Il collocamento di Poste Italiane ha ovviamente tempi e date precise, come ogni operazione simile: l'IPO è cominciata il 12 ottobre e terminerà il 22, con possibilità di proroga o di chiusura anticipata [aggiornamento: chiusura fissata alle ore 12.30 di giovedì 22 ottobre]. Per i dipendenti di Poste Italiane però il termine è il 21 ottobre, anche se hanno altri vantaggi come precisato più sotto.

Prezzo azioni Poste Italiane e valore dell'operazione

Il prezzo delle azioni sarà determinato dal Ministero del Tesoro alla fine del periodo di offerta, o meglio i prezzi visto che saranno diversi per la clientela retail e per gli investitori istituzionali; comunque il prezzo minimo delle azioni di Poste Italiane (non vincolate però) è 6€, quello massimo vincolante di offerta pubblica è 7.50€, quello finale sarà il minore tra questo e quello per gli investitori istituzionali. Dovrebbe essere reso noto il 27 ottobre, comunque ne verrà data pronta e diffusa comunicazione.
Il prezzo delle azioni di Poste Italiane è stato fissato al termine del collocamento e reso noto il 23 ottobre: 6.75 euro per azione.
Il valore totale del collocamento varia da un minimo di 7,83 miliardi ad un massimo di 9,76 miliardi di euro, per raccogliere tra i 2.7 e i 3.7 miliardi: verrà collocato almeno il 34.7% del capitale, che potrà arrivare al 38.2% in caso dell'esercizio integrale dell'opzione greenshoe. Il 70% dei 453 milioni di azioni saranno per gli investitori istituzionali, il 30% per la clientela retail, di cui il 3.3% riservato ai dipendenti di Poste Italiane.

Aggiornamento 23 ottobre, i numeri dell'operazione:
  • domanda pari a 3.35 volte l'offerta, richieste per 1.52 miliardi di azioni da 303.536 richiedenti, di cui 26.234 dipendenti Poste Italiane
  • con un prezzo per azione di 6.75 euro, si ha una capitalizzazione Poste Italiane di circa 8,81 miliardi di euro
  • 30% dell'offerta andrà agli investitori retail (pubblico indistinto e i dipendenti), il 70% agli investitori istituzionali
  • incasso per il Tesoro pari a 3,058 miliardi, se venisse esercitata l'opzione greenshoe le percentuali diverrebbero 27.3%-72.7% perchè aumenterebbero le azioni per gli istituzionali, di conseguenza anche l'incasso per il Tesoro a 3,4 miliardi
  • data di pagamento e avvio delle negoziazioni prevista per il 27 ottobre
Leggi anche: Collocamento Azioni Ferrari in Borsa, tutto quello che c'è da sapere

Come comprare azioni Poste Italiane

Le azioni di Poste Italiane si possono comprare in banca o negli uffici potali abilitati, anzi prenotare: se la domanda dovesse superare l'offerta, i titoli verranno assegnati per sorteggio. I dipendenti possono sia partecipare alla domanda per il "normale" pubblico retail che a quella a loro dedicata, rispettando però i lotti di acquisto:
  • lotto minimo azioni Poste Italiane: 500 azioni, ma potrebbe scendere a 250 se la domanda superasse l'offerta
  • lotto minimo azioni Poste Italiane per i dipendenti: 50 azioni
  • lotto intermedio azioni Poste Italiane: 2000 azioni
  • lotto maggiorato azioni Poste Italiane: 5000 azioni
Considerata una fascia di prezzo tra 6€ e 7.50€ per azione, ecco che la spesa minima è 3000-3750€ per la clientela retail, eventualmente la metà in caso di dimezzamento del lotto minimo.

Premio fedeltà azioni Poste Italiane

Se dopo un anno dal collocamento in Borsa di Poste Italiane si avranno ancora in portafoglio i titoli acquistati, verrà dato un premio fedeltà di 1 azione ogni 20, cioè il 5% (sale al doppio per i dipendenti sui primi due lotti acquistati)
Attenzione però: le azioni vanno tenute dal 27 ottobre 2015 per dodici mesi continuativi, depositate presso il collocatore o altre istituzioni aderenti alla Monte Titoli Spa.

Rendimenti azioni Poste Italiane: conviene comprare? Rating Poste e numeri

Il rendimento medio dovrebbe essere tra il 4% e il 5% in base al prezzo che verrà stabilito (più è alto il prezzo e minore è il rendimento, e viceversa); Poste Italiane distribuirà agli azionisti almeno l'80% dell'utile netto consolidato 2016/17. In concreto si stimano 0.35 euro l'anno, 175 euro lordi per un lotto minimo da 500 azioni. Ricordate che vige la piena tassazione sulle rendite finanziarie sia sui rendimenti che sul capital gain, e non quella agevolata come per i Buoni Fruttiferi Postali.

Conviene investire in azioni Poste Italiane? Si tratta di un investimento sicuro, di certo il capitale non è rischio data la solidità del gruppo, che comprende non solo i serivizi postali ma anche investimenti, conti correnti, assicurazioni e telefonia.

investire in azioni poste italianeIl rating di Poste Italiane è per Moody's Baa2 con outlook stabile, per Fitch BBB+ con outlook stabile. Per entrambe le agenzie l'IPO non cambia il giudizio in quanto si colloca sul mercato meno del 40% del capitale; comunque Fitch rende noto che per i suoi analisti "Poste ha una importanza strategica per il governo nazionale [che manterrà] un elevato grado di controllo e di supervisione anche dopo la privatizzazione ... l'alto grado di integrazione, l'importanza strategica e il controllo del governo [portano a un] rating allineato a quello dell'Italia".

Gli analisti prevedono un utile di Poste Italiane compreso tra 800 milioni e un miliardo di euro, quindi un dividendo potenziale da 600-800 milioni (come detto sopra sarà l'80% almeno dell'utile).

Valutazione punti di forza e debolezze di Poste Italiane
Punti di forza: Leader nella distribuzione postale - Recentemente accordo con Amazon -
Ampio numero di clienti giornalieri - Leader nel comparto assicurativo vita - Struttura per servizi finanziari molto interessante
Punti di debolezza: Costi fissi di struttura alti - Attività postale classica in perdita ma con break even fra qualche anno - Troppo diretti al mass market - Alta esposizioni all’investimento in Btp - Staff non ancora specializzato del tutto
Opportunità: Dividendi molto alti - Storia di ristrutturazione - Strategia multi canale - Trend Italiano dell’asset management favorevole - Possibilità di migliorare la specializzazione degli addetti ai servizi finanziari Minacce: Peggioramento condizioni economiche italiane - Rischio reputazionale - Aumento dei tassi di interesse - Digitalizzazione non adeguata - Arrivo di altri competitors di buona qualità


Si consiglia di comprare azioni Poste Italiane a chi cerca titoli con ampia stabilità rispetto alla media di mercato, chi punta agli investimenti di medio-lungo periodo con dividendi annui abbastanza elevati: se siete alla ricerca di investimenti da almeno 3-5 anni, il rendimento del 4%-5% di Poste Italiane è un bel risultato, invece se cercate investimenti brevi non conviene (sotto di 12 mesi niente bonus share, nessun dividendo, troppa incertezza dovuta al mercato, rischio di vendita in perdita).

Nessun commento: