1 novembre 2018

Analisi della Dinamica Euro-Dollaro dagli Scorsi Mesi Fino alla Previsione di Fine Anno

Trend al ribasso o comunque stabilità per alcuni mesi, poi per il 2019 lgli analisti prevedono per l'EUR/USD un rafforzamento dell'euro.
Secondo le analisi degli specialisti, date a inizio 2018, questo sarebbe dovuto essere l'anno dell'apprezzamento dell'euro sul dollaro, ma i dati resi al termine del secondo quadrimestre (1.14 - 1.15) hanno disatteso le aspettative. Da mesi il cambio della coppia EUR/USD si attesta nel range 1.12772 / 1.17667. Una stabilità - il termine tecnico è "lateralità" - dovuta in parte alla crisi politica dell'Eurozona, alle tensioni legate alla Legge di Bilancio del nuovo governo italiano e alle recenti notizie arrivate dalla Germania, dove la cancelliera Merkel ha annunciato la volontà di non ricandidarsi alle prossima presidenza CDU del 2021. Vediamo dunque le più aggiornate previsioni sull'eurodollaro per il periodo fine 2018 / inizio 2019: chi fa trading forex tenga presente che la più parte degli analisti prevede la conferma del trend attuale per i prossimi mesi e poi una ripresa del valore del cross che dovrebbe cominciare col nuovo anno.

Con un giro di affari di circa 3.000 miliardi di dollari giornalieri il forex trading rappresenta uno dei mercati finanziari più frequentati, nel quale tutte le valute vengono negoziate a coppie; alcune di queste - in base all’importanza dell’economia di riferimento e agli scambi globali effettuati - concentrano ben l'80% degli scambi complessivi del mercato forex. L'euro-dollaro (indicato EUR/USD) è al primo posto delle coppie valutarie a maggiore investimento, dunque tra chi fa trading sono molto ricercate le previsioni sull'andamento dell'EUR/USD: tra i principali fattori lo influenzano si trovano i tassi d'interesse imposti dalle rispettive banche centrali (la BCE e la Federal Reserve Usa) e le loro rispettive politiche monetarie, la bilancia commerciale, tasso d’inflazione e PIL relativi ai rispettivi Paesi.

Visti anche i dati macroeconomici positivi forniti dagli Stati Uniti negli ultimi mesi (in particolare la crescita economica consistente, la disoccupazione ai minimi storici e l'inflazione in ripresa) molti strategist continuano a intravedere per l'EUR/USD una crescita del dollaro e una tendenza sostanzialmente ribassista, o comunque di stabilità sugli attuali valori, per i prossimi 3/5 mesi, dunque almeno fino ad inizio 2019. Fra quanti prevedono esiti migliori, va citata la banca d'affari americana Morgan Stanley, che stima invece una risalita del cross fino a quota 1.17.
previsioni euro dollaro
Per il 2019 si trovano quasi tutti d'accordo a riconsiderare un trend al rialzo, con un valore EUR/USD compreso tra 1.25 e 1.30, in quanto la fine del Quantitative Easing dovrebbe controbilanciare almeno in parte l'ampiamente previsto e già in corso aumento dei tassi Usa.

Nessun commento: