Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Prestiti: Conseguenze Se Non si Pagano le Rate, Voci del Contratto di Prestito

lunedì 8 dicembre 2014 Aggiornato il:

Chiamati anche finanziamenti di credito al consumo, i prestiti personali consentono ai privati di ottenere liquidità per una o più spese. È importante conoscere il contratto di un finanziamento personale nei dettagli per capire sia quali sono le voci riportate che le conseguenze per eventuali rate del rimborso non pagate.
Ovviamente quanto descritto in questo articolo non vale in caso di recesso anticipato dal contratto di prestito.

Prestito personale: quali sono le conseguenze del mancato pagamento delle rate?

La rata del prestito se pagata in ritardo viene incrementata dagli interessi di mora e se il pagamento viene saltato una sola volta o poco più, è sufficiente pagare la rata per non avere ulteriori spese o minare il rapporto con la banca o la finanziaria: da specificare che non esiste una normativa univoca, ogni istituto di credito gestisce i rapporti con i clienti con modalità proprie.
Nel momento in cui non si pagano le rate del prestito personale oppure si saltano continuamente i pagamenti, il cliente viene segnalato come cattivi pagatori e in seguito negli archivi dei protestati come per esempio la CRIF; in seguito all'inserimento di queste informazioni (verificate in fase di istruttoria), il cliente non potrà ottenere altri prestiti dagli istituti di credito per qualche anno. Inoltre c'è il rischio che la banca o la finanziaria interrompano il contratto di prestito personale costringendo il cliente a pagare le spese di protesto, bancarie e la penale.
Nella pagina Prestiti e finanziamenti, guida completa trovate altre indicazioni, risorse e recensioni.

Prestiti: caratteristiche e informazioni

I contratti di prestito: conseguenze se non si pagano le rate.Il contratto di prestito on line va letto con attenzione e bisogna individuare le informazioni necessarie per conoscere le modalità del finanziamento. Per legge vengono indicate le modalità del finanziamento ovvero come avverrà il versamento delle rate (per esempio con accredito in conto corrente o con bonifico bancario); le modalità di rimborso che può utilizzare il cliente (per esempio bollettini); il piano di ammortamento con importo, numero di rate e scadenza; il Tan ovvero il tasso di interesse nominale applicato alla cifra prestata; il Taeg o tasso annuo effettivo globale composto da Tan, spese accessorie e altri costi; il dettaglio delle spese accessorie e dei costi; le garanzie richieste; le condizioni in base alle quali è possibile modificare il Taeg; le eventuali polizze legate al prestito personale.

Il cliente può chiudere in anticipo rispetto alla scadenza prefissata il contratto di prestito personale, viene richiesta una penale, ma restituendo la somma ancora da versare non si devono pagare gli interessi che sarebbero maturati sulle rate. In alternativa è possibile restituire solo parte dell'importo da rimborsare, il contratto non si estingue, ma vengono ristabilite durata del rimborso e importi delle rate.

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni