30 giugno 2017

Prestiti per Giovani del Sud Italia: Cosa è e come Funziona l'Incentivo Resto al Sud

Finanziamenti per giovani residenti nel sud Italia tramite il provvedimento per lo sviluppo economico del Mezzogiorno: a chi spetta, come funziona.
Al fine di sostenere lo sviluppo economico del sud Italia e limitare il dato negativo relativo alla disoccupazione giovanile, sono presenti diversi finanziamenti per i residenti nel Meridione quali prestiti per le giovani imprenditrici, per under 30, per le start up e altre opportunità ancora. Inoltre dal 20 giugno 2016 il Governo ha approvato il decreto legge denominato Resto al Sud pensato per sostenere le nuove imprese.

Il decreto legge Resto al Sud è entrato in vigore il 21 giugno 2017 ed ha introdotto la possibilità di richiedere, tramite il portale internet Invitalia, un prestito fino a 40.000 euro o fino a 200.000 euro per le società: ogni socio può richiedere il finanziamento ma non si può superare tale somma.

A chi è rivolto il prestito per giovani Resto al sud: i giovani imprenditori di età compresa tra i 18 e i 35 anni che intendono avviare un'attività in proprio senza disporre dei mezzi necessari, possono chiedere il finanziamento proponendo il proprio progetto imprenditoriale a Invitalia. Il prestito spetta per chi avvia una nuova attività nei settori dell'artigianato, dell'agricoltura, della fornitura di servizi e dell'industria.
Sono escluse le imprese libero professionali e del commercio, ad esclusione della vendita dei beni prodotti nell'attività di impresa.

Dei 40.000 euro il 35% è a fondo perduto ed il restante 65% viene erogato sotto forma di finanziamento a tasso zero da rimborsare in 8 anni, di cui 2 anni in pre-ammortamento.

Il prestito erogato tramite il provvedimento Resto al sud spetta ai residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia che nell'ultimo triennio non hanno già beneficiato di altre misure nazionali a sostegno dell'autoimprenditorialità.

finanziamenti per giovani imprenditori residenti nel sud ItaliaIl finanziamento non include le spese per la progettazione e per i dipendenti, al fine di non incrementare le operazioni commerciali delle consulenze ed i comportamenti opportunistici; è invece possibile essere supportati nelle fasi di sviluppo della nuova impresa da parte di enti pubblici e privati, convenientemente autorizzati.

Il 65% del prestito viene erogato mediante il sistema bancario ed è coperto dallo Stato dal Fondo di Garanzia per le PMI. Il finanziamento totale previsto dal provvedimento è stato pensato per garantire lo sviluppo economico del Meridione nei prossimi anni, quindi non si esaurirà in tempi brevi.

Come ottenere il prestito garantito dal provvedimento Resto al sud: chi è in possesso dei requisiti può sottoporre il progetto imprenditoriale tramite il portale www.invitalia.it. Bisogna inviare un'apposita domanda online che verrà valutata dall'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa.

Nessun commento: