Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Banca Marche: Azioni Azzerate, Obbligazioni Annullate, Conti Correnti e Deposito Sono Salvi

martedì 24 novembre 2015 Aggiornato il:

Banca Marche, ultime notizie su azioni e obbligazioni dopo il salvataggio, salvi conti correnti e depositi - Con un colpo di mano, il governo Renzi ha approvato domenica 22 novembre in piano di salvataggio d'urgenza di quattro banche italiane: Banca Marche, Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio, Cassa di Risparmio di Ferrara, CariChieti. In questa sede ci occupiamo nello specifico del salvataggio di Banca Marche, che diventa Nuova Banca Marche, e della situazione di azionisti, obbligazionisti e correntisti (questi ultimi in pratica i soli che si "salvano"), diciamo solo in linea generale che quanto deciso dal governo e applicato da Bankitalia è un anticipo delle nuove norme sui salvataggi bancari col bail-in, un anticipo resosi necessario per evitare o il crac totale dei quattro istituti oppure una procedura d'infrazione da parte dell'UE per violazione delle norme sugli aiuti di Stato.
[Aggiornamento 30 aprile 2016: il governo Renzi approva il decreto-banche con le norme per i rimborsi agli obbligazionisti]
Leggi anche Come investire in prodotti bancari riducendo i rischi.

Salvataggio Banca Marche: ci perdono azionisti e obbligazionisti

Le sofferenze di Banca Marche, il cui commissariamento è iniziato giusto due anni fa dopo mesi di amministrazione controllata e che purtroppo non ha portato ad un salvataggio tramite l'ingresso di nuovi soci che risanassero la situazione, vengono fatte confluire in una bad bank che raccoglie anche le sofferenze degli altri tre istituti su menzionati. La parte sana diventa quindi Nuova Banca Marche che potrà continuare le attività, con anche un nuovo management: questa new-co verrà posta in vendita, risultando appetibile in quanto risanata e che porta con sè conti correnti, conti deposito, obbligazioni ordinarie.

Il fatto è che il far confluire le sofferenze bancarie di Banca Marche -come quelle delle altre banche in crisi su citate- implica svalutazioni prudenziali che portano ad ulteriori perdite di bilancio; inoltre è necessaria un'immissione di capitale da parte del Fondo di Risoluzione Nazionale, creato appositamente per i salvataggi bancari e finanziato nella fase iniziale da Banca Intesa Sanpaolo, Unicredit e UBI Banca con tassi d'interesse di mercato.

Ebbene, queste perdite e immissioni di capitale sono oneri che purtroppo ricadono su azionisti e possessori di obbligazioni subordinate, come purtroppo avevamo già spiegato nell'articolo Come funziona il bail-inSalvi i titolari di conti correnti e conti deposito, cosa che non sarebbe successa se quanto perso da azionisti e obbligazionisti non fosse bastato.

Azioni Banca Marche azzerate, obbligazioni subordinate annullate

ultime notizie banca marchePurtroppo si tratta di un vero dramma per molti piccoli e medi risparmiatori: le azioni Banca Marche sono state azzerate, quindi gli azionisti hanno perso tutto, mentre parte delle obbligazioni subordinate Banca Marche sono state annullate e non verranno quindi rimborsate, per altre le speranze sono davvero minime,

Precisiamo meglio sulle obbligazioni Banca Marche, visto che è comunque chiaro che le azioni sono tutte azzerate: ad aver subito la riduzione a patrimonio sono le obbligazioni subordinate di sei emissioni, i cui possessori hanno perso ogni diritto patrimoniale e amministrativo. Altre tre emissioni sono invece rimaste in capo alla vecchia Banca Marche ora in liquidazione coatta amministrativa: trattandosi di Titoli che danno diritto ad una bassissima precedenza di rimborso in caso di liquidazione, secondo gli analisti è molto difficile che i possessori di queste otterranno qualcosa.

Questi i codici ISIN delle obbligazioni Banca Marche che hanno subito questo infausto destino, come reso noto da Bankitalia:
Ribadiamo che non sono stati toccati i conti correnti e i conti deposito, che in simili situazioni sono tutelati fino a 100.000 euro (cfr la guida Fallimento Bancario e Conto Corrente o Deposito: Bail In, Tutele e Rimborsi).

Ovviamente consigliamo a tutti gli azionisti e gli obbligazionisti di Banca Marche di non buttare via nulla, di tenere tutti i contratti e i documenti, di domandare in filiale in caso di dubbi e soprattutto di non mettervi in mano a sedicenti esperti che in queste occasioni spuntano dal nulla: consultatevi tra di voi, sentite avvocati e commercialisti, sembra che sia già pronta una class action.

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni