Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Conto Corrente Online: Apertura e Contratto

venerdì 11 settembre 2015 Aggiornato il:

Come aprire un conto corrente online e leggere il contratto - L’era dei conti correnti on line è in pieno boom: grazie a questi strumenti si può risparmiare sulle spese del conto corrente perchè la gestione avviene praticamente tutta via internet; ma è bene sapere che le procedure contrattuali sono differenti. L’internet banking è una grande comodità, visto che gestire il conto corrente, i pagamenti, le bollette, e quant’altro direttamente dal proprio pc o dallo smartphone fa risparmiare tempo e denaro; attenzione però a non prendere sottogamba la parte burocratica, visto che si tratta sempre di un contratto con una banca.
Nella guida completa al conto corrente trovate tante altre istruzioni e consigli per la gestione del conto.

Procedura per aprire un conto corrente online

Bisogna prendere contatto con l’istituto via internet o telefonicamente; poi ovviamente occorre firmare un contratto: se in filiale si riceve il modulo cartaceo direttamente in mano, con un conto corrente on line si deve stampare il contratto, firmarlo e poi inviarlo alla banca assieme ad una copia di un documento di identità e del codice fiscale; per sicurezza occorre inviarlo via posta oltre che via email, con un file pdf, se richiesto.
Conti correnti online e sicurezza: una infografica sui principali strumenti e metodi per non incorrere in spiacevoli inconvenienti.
Il conto corrente on line è attivo solo una volta che la banca avrà ricevuto la copia cartacea del contratto firmato (potete anche portarla direttamente in una filiale se la banca ne ha: ma esistono anche banche che sono solo on line, quindi invierete all’indirizzo fornitovi).
Infine occorre fare un bonifico di identificazione: lo richiedono le norme anti-riciclaggio.

Contratto conto corrente on line: i punti fondamentali

Dato che il rapporto bancario è molto vincolante, sia per la banca che per il correntista, suggeriamo di fare attenzione a questi punti (valide in realtà anche per i conti correnti tradizionali):
  • la banca deve dichiarare il rispetto delle norme del Testo Unico Bancario (TUB) che vanno indicate nel contratto stesso
  • sempre nel contratto ci devono essere le norme per recedere dallo stesso
  • devono essere chiare le modalità di gestione del conto corrente in caso di decesso del titolare
  • i costi del conto corrente devono essere precisamente elencati (canone, prelievi e versamenti, operazioni come bonifici e domiciliazione bollette, comunicazioni, prodotti accessori al conto)

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni