13 marzo 2015

Obbligazioni Cassa Depositi e Prestiti: Chiusura Collocamento 13 Marzo

Investire nei bond CDP in collocamento dal 9 marzo, recensione - CHIUSURA ANTICIPATA del collocamento venerdì 13 marzo 2015, ore 17.00: la Cassa Depositi e Prestiti comunica che si avvale della facoltà di anticipare la chiusura del collocamento e di aver aumentato l'offerta da 1 a 1.5 miliardi: grande successo quindi per le obbligazioni CDP - La Cassa Depositi e Prestiti ha avviato la vendita sul mercato retail della sua prima obbligazione per piccoli investitori, un totale di 1 miliardo di euro aumentabile di altri 500 milioni in base alle richieste di acquisto. In questa scheda sul bond CDP indichiamo il prezzo, dove comprare, i tassi di interesse offerti e le altre caratteristiche del prodotto. Sicuramente si tratta di un investimento sicuro perchè la Cassa Depositi e Prestiti è tra i soggetti principali e più solidi del panorama finanziario italiano, basti dire che gestisce i buoni fruttiferi postali ed i libretti di risparmio, investe in infrastrutture e progetti imprenditoriali privati, è azionista di Eni, Terna, Fincantieri e altre importanti società, è controllata all'80% dal Ministero del Tesoro e al 18% dalle Fondazioni bancarie.

Le obbligazioni della Cassa Depositi e Prestiti sono acquistabili da lunedì 9 marzo a venerdì 27 marzo 2015 venerdì 13 marzo 2015 ore 17.00 dalla clientela retail, i piccoli risparmiatori/investitori "persone fisiche residenti in Italia", taglio minimo 1000€. Si tratta di un bond con scadenza a 7 anni, nel 2022, con tasso misto: infatti gli interessi dell'obbligazione CDP sono a tasso fisso dell'1.75% per il primo biennio, poi diventano a tasso variabile Euribor 3 mesi aumentato almeno dello 0.50% (valutazione a fine collocamento). Le tasse sul bond Cassa Depositi e Prestiti sono al 12.50% dei rendimenti maturati (cfr la guida Tassazione delle rendite finanziarie).

Leggi anche:
Investire in Obbligazioni Statali: le 4 Migliori dei Paesi Emergenti Investire in Obbligazioni 2015: I Migliori Titoli di Stato e Bond Societari Senza Rischi
Investire in Borsa 2015, le 32 Migliori Azioni Europee Secondo Goldman Sachs Investire in Titoli di Stato con Tassi Negativi e Guadagnare

obbligazioni cassa depositi e prestiti: prezzo, interessi, scadenza, caratteristicheSui tassi di interesse degli ultimi 5 anni del bond, come detto indicizzati all'Euribor aumentato dello 0.50% almeno, c'è da dire che tale parametro è attualmente ai minimi storici e per il prossimo periodo -indicativamente i prossimi due anni- si prevede che così rimarrà per poi tornare a salire se ci sarà la tanto sperata ripresa economica europea, di cui qualche segnale già si avverte e che il  Quantitative Easing della BCE dovrebbe spingere ulteriormente. Di certo non è che un'obbligazione come questa della Cassa Depositi e Prestiti possa offrire rendimenti spettacolari, ma tenuto conto dell'ottima sicurezza offerta dall'emittente*, del buon tasso fisso iniziale, della tassazione relativamente bassa -la più bassa sul mercato italiano- possiamo definirla un prodotto da tenere in considerazione per un investimento sicuro nel proprio portafoglio, dedicato a chi vuole tutelare i propri risparmi e guadagnarci qualcosa senza dover entrare in settori più complessi.
*rating Cassa Depositi e Prestiti: BBB+ da Fitch, Baa2 da Moody’s e BBB- da Standard & Poor’s, outlook stabile per tutte e tre; rating atteso obbligazioni: BBB+ da Fitch.

Obbligazioni Cassa Depositi e Prestiti, tabella di riepilogo:
Emittente Cassa Depositi e Prestiti Spa
Mercato Borsa Italiana (MOT Mercato Obbligazionario Telematico)
Clientela di riferimento Persone fisiche residenti in Italia
Tagli acquistabili Da 1000€ a un milione di euro, multipli di 1000€
Codice ISIN IT0005090995
Durata/scadenza 7 anni/2022
Periodicità cedola Trimestrale
Tasso di interesse fisso 1.75% i primi due anni, poi variabile Euribor 3 mesi + almeno 0.50%
Premio fedeltà No
Prezzo emissione/rimborso  100 alla pari
Dove acquistare le obbligazioni CDP Presso un ufficio di Poste Italiane o presso la banca dove si ha il deposito titoli (70 istituti autorizzati alla vendita)
Date collocamento Apertura 9 marzo 2015 - Chiusura 27 marzo 2015 per sottoscrizioni in filiale, 20 marzo 2015 per sottoscrizioni fuori sede, 13 marzo 2015 per sottoscrizioni online (salvo chiusura anticipata) 13 marzo 2015
Responsabili collocamento Banca IMI gruppo Intesa Sanpaolo, Unicredit, BNL BNP Paribas
Rimborso capitale In una sola soluzione al valore uninominale
Commissioni A carico degli investitori nessuna, di negoziazione sul MOT a scelta della banca
Tasse Regime fiscale sulle rendite finanziarie come i Titoli di Stato pari al 12.50%

Considerato che un Btp oggi ha rendimenti inferiori all'1% annuo lordo, chi terrà il bond CDP almeno per il primo biennio otterrà un guadagno circa del doppio, poi i cinque anni con tasso variabile, seppure aumentato, sono un po' un incognita (cfr l'articolo Previsioni tasso Euribor per mutui e investimenti) ma come detto si prospetta un rialzo dagli attuali valori minimali. Come suggerito dagli analisti di Effemagazine Risparmio e Investimenti:
Una simulazione di rendimenti a scadenza è impossibile, ma di certo nel biennio iniziale il CDP batte Btp, Cct e Btp Italia, mentre successivamente i Cct risultano più munifici in termini di “spread”, sebbene più corti di vita residua. Una possibile strategia potrebbe quindi consistere nel collocarsi per un anno e mezzo circa sul CDP, per poi passare ai Cct, che nel frattempo potrebbero aver corretto rispetto alle quotazioni attuali, rese irrealistiche dal Quantitative Easing della BCE. Il 2018 quota oltre 105,5, annullando di fatto il vantaggio di uno “spread” (1,8%) ben maggiore nei confronti del nuovo rivale.